Motivi religiosi

 

Il visto per “motivi religiosi” consente l’ingresso, ai fini di un soggiorno di breve o lunga durata, ai religiosi ed ai ministri di culto stranieri appartenenti ad organizzazioni confessionali, che intendono partecipare a manifestazioni di culto o esercitare attivita’ ecclesiastica, religiosa o pastorale.

I requisiti e le condizioni per l’ottenimento del visto sono:

a) l’effettiva condizione di “religioso”, o di ministro di culto nell’ambito della propria organizzazione di appartenenza

b) documentate garanzie circa il carattere religioso della manifestazione o delle attivita’ addotte a motivo del soggiorno in Italia

c) nei casi in cui le spese di soggiorno dello straniero non siano a carico di Enti religiosi, l’interessato deve disporre di mezzi di sussistenza non inferiori all’importo stabilito dal Ministero dell’Interno con la Direttiva di cui all’art. 4, comma 3 del T.U. 286/1998 e successive modifiche ed integrazioni

d) assicurazione sanitaria, di cui alla Decisione del Consiglio del 22 dicembre 2003, nei termini ed alle condizioni stabilite dalle relative Linee Guida.

Nel caso di invito da parte di una associazione di culto, operante di fatto in Italia e non riferibile a confessioni che hanno stipulato intese con lo Stato italiano o ad enti di culto riconosciuti giuridicamente, il visto verrà rilasciato solo previa verifica da parte del Ministero dell’Interno della natura di culto dell’ente e della conformità del suo statuto ai principi dell’ordinamento italiano.

 

 1. MODULO DI RICHIESTA (ANKETA) con 2 fotografie

(a colori su sfondo bianco, 3,5×4,5cm), compilato in stampatello in ogni sua parte, preferibilmente in lingua italiana o inglese. Il richiedente deve indicare l’indirizzo del suo domicilio, un numero di telefono di contatto completo di prefisso, e firmare il modulo a pagina 3 e 4Il modulo è disponibile gratuitamente presso l’Ambasciata, presso il Centro Visti per l’Italia oppure è scaricabile dal sito dell’Ambasciata e del nostro sito.

 

2. ADEGUATA DOCUMENTAZIONE CIRCA L’EFFETTIVA QUALIFICA RELIGIOSA del richiedente

E’ necessario presentare LA DICHIARAZIONE RILASCIATA DAL RESPONSABILE DELL’ORDINE DI APPARTENENZA, la cui firma sia autenticata, ove possibile, dalla Nunziatura Apostolica o, in mancanza, dalla Curia Vescovile di appartenenza.

3. ADEGUATA DOCUMENTAZIONE CIRCA IL CARATTERE RELIGIOSO DELLA MANIFESTAZIONE alla quale si intenda partecipare o circa l’attività da svolgere in Italia e indicante la finalità, la durata e la frequenza dei viaggi.

4. L’originale della LETTERA D’INVITO DELL’ENTE RELIGIOSO

che intende dare ospitalità, la cui sottoscrizione sia autenticata, ove possibile dalla Segreteria di Stato Vaticana o, in mancanza, dalla Curia Vescovile.

5. GARANZIE FINANZIARIE PERSONALI valide per tutto il periodo di soggiorno in Italia:

Nei casi in cui le spese di soggiorno dello straniero non siano a carico di Enti religiosi, l’interessato deve disporre di mezzi di sussistenza non inferiori all’importo stabilito dal Ministero dell’Interno con la Direttiva di cui all’art. 4, comma 3 del T.U. 286/1998 e successive modifiche ed integrazioni.

DICHIARAZIONE BANCARIA (valida per un mese) relativa al saldo del conto corrente (SENZA una carta) unitamente alle operazioni bancarie degli ultimi 3 mesi;

OPPURE
CARTA DI CREDITO valida all’estero (originale e copia), e originale della DICHIARAZIONE BANCARIA (valida per un mese) sullo stato del conto corrente (in qualsiasi valuta) del richiedente il visto. La dichiarazione deve contenere i dati anagrafici del richiedente, il numero della carta di credito e saldo del conto.
In caso di presentazione di una carta di credito internazionale nominativa e’ sufficiente l’estratto conto da un bancomat (valido per tre giorni) in sostituzione della dichiarazione della banca

6. PRENOTAZIONE DEI BIGLIETTI DI ANDATA E RITORNO

con le date fisse nel caso di viaggio in aereo (o in treno, o in pulman).

OPPURE nel caso in cui il viaggio sia effettuato con un mezzo di trasporto proprio è necessario presentare i seguenti documenti:

• il libretto di circolazione del mezzo di trasporto in originale e in copia,
• la carta verde in originale e in copia,
• il patente di guida del conducente in originale e in copia,
• il contratto di noleggio in originale e in copia, nel caso in cui il mezzo di trasporto sia noleggiato.

7. ASSICURAZIONE MEDICA INTERNAZIONALE:

(in originale e copia), valida per i paesi dello Spazio Schengen che copra il periodo del primo viaggio e preveda un corridoio di 15 giorni dalla data del ritorno previsto. La somma minima della copertura assicurativa è di 30.000 euro.

 

8. PASSAPORTI:

• Passaporto valido per l’estero e copia di pagine utilizzate. La validità del passaporto deve essere superiore di almeno 3 mesi rispetto alla durata del visto. Il passaporto deve avere minimo due pagine libere (per il visto ed i timbri di frontiera) e deve essere stato rilasciato da non oltre 10 anni (Art. 12 Codice Visti). I passaporti con validita’ prolungata non saranno accettati.

• Tutti gli altri passaporti validi per l’estero (con copia di tutte le pagine), nonche’ i passaporti scaduti e annullati (con copia di tutte le pagine utilizzate)

• Carta d’Identità (Passaporto interno) ucraina e copia delle pagine utilizzate.

Avvertenza:

Tutta la documentazione in lingua ucraina o in altra lingua che non sia in italiano o in inglese, ad eccezione della carta d’identità (passaporto interno), potrà essere accompagnata da una traduzione libera in italiano o inglese o, per chi lo desideri, anche eseguita da interpreti presso agenzie di servizi specializzate.

La corretta presentazione di tutti i documenti indicati non garantisce in nessun modo una obbligatorieta’ o automatismo al rilascio del visto.
La rappresentanza Diplomatica o Consolare si riserva il diritto di richiedere ulteriore documentazione
.