Lavoro autonomo (imprenditori)

Lavoro autonomo per imprenditori che svolgono attività per l’economia nazionale

 

Per maggiori informazioni sul visto “Lavoro autonomo” visitare il sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale http://vistoperitalia.esteri.it

Nei casi di ulteriori domande si prega di contattare direttamente la Sezione Visti dell’Ambasciata d’Italia a Kiev: sezionevisti.kiev@esteri.it

 

1. MODULO DI RICHIESTA (ANKETA) con 2 fotografie

(a colori su sfondo bianco, 3,5×4,5cm), compilato in stampatello in ogni sua parte, preferibilmente in lingua italiana o inglese. Il richiedente deve indicare l’indirizzo del suo domicilio, un numero di telefono di contatto completo di prefisso, e firmare il modulo a pagina 3 e 4.
Il modulo è disponibile gratuitamente presso l’Ambasciata, presso il Centro Visti per l’Italia oppure è scaricabile dal sito dell’Ambasciata e del nostro sito.

2. NULLA OSTA

della Questura competente per il luogo in cui si svolgerà l’attività autonoma.

3. DISPONIBILITA’ DI UN ALLOGGIO IDONEO

dimostrabile secondo una delle seguenti modalità: CONTRATTO DI ACQUISTO o LOCAZIONE di un immobile; dichiarazione resa ai sensi degli artt. 2 e 4 della legge 4.1.1968, n.15; dichiarazione resa ai sensi delle medesime norme da un cittadino italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia, che attesti di aver messo a disposizione del richiedente il visto un alloggio idoneo, corrispondente ai parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

4. DIMOSTRAZIONE DI UN REDDITO ANNUO,

proveniente da fonti lecite, di importo superiore al livello minimo per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria. Tale reddito (€8.400, già acquisito nel Paese di residenza) non può essere dimostrato mediante il ricorso a fidejussione bancaria o polizza assicurativa.

5. ATTESTAZIONE relativa all’astratta individuazione DELLE RISORSE NECESSARIE

all’attività imprenditoriale, commerciale o artigianale da intraprendere, rilasciata dalla Camera di Commercio competente per il territorio di svolgimento dell’attività, pari a 17.492 €.

6. DIMOSTRAZIONE DI POSSEDERE RISORSE PROPRIE

provenienti da fonti lecite, non inferiori a 500.000 € che prevedano un piano di investimento imprenditoriale ben articolato e/o business plan e la creazione di almeno tre nuovi posti di lavoro.

7. PASSAPORTI:

• Passaporto valido per l’estero e copia di pagine utilizzate. La validità del passaporto deve essere superiore di almeno 3 mesi rispetto alla durata del visto. Il passaporto deve avere minimo due pagine libere (per il visto ed i timbri di frontiera) e deve essere stato rilasciato da non oltre 10 anni (Art. 12 Codice Visti). I passaporti con validita’ prolungata non saranno accettati.

• Tutti gli altri passaporti validi per l’estero (con copia di tutte le pagine), nonche’ i passaporti scaduti e annullati (con copia di tutte le pagine utilizzate)

• Carta d’Identità (Passaporto interno) ucraina e copia delle pagine utilizzate.

Avvertenza:

Tutta la documentazione in lingua ucraina o in altra lingua che non sia in italiano o in inglese, ad eccezione della carta d’identità (passaporto interno), potrà essere accompagnata da una traduzione libera in italiano o inglese o, per chi lo desideri, anche eseguita da interpreti presso agenzie di servizi specializzate.

La corretta presentazione di tutti i documenti indicati non garantisce in nessun modo una obbligatorieta’ o automatismo al rilascio del visto.
La rappresentanza Diplomatica o Consolare si riserva il diritto di richiedere ulteriore documentazione
.